Chi è Achi: biografia di un nessuno

Nelle parole che andranno ad essere celate, per questo autore, non potrà rientrare la possibile incognita sull’epoca d’appartenenza.

Nella costruzione del sito è già evidenziato che Achi è un autore vetusto, che la Chiara, la Rossella, la Scarlett d’inizio racconti e molte altre donne della realtà definirebbero di un altro tempo. Un uomo datato che, a causa dell’epoca d’appartenenza, è incapace di discernere i reali valori, come pure ciò che nella vita ha una vera importanza.

Per tutto quanto possa costituire una classica biografia s’impongono solo quesiti della diversità di pensiero e d’interpretazione.

Ci si domanda quale interesse possa suscitare in un lettore tutto quel crogiuolo d’informazioni personali, del tutto prive di significato senza una conoscenza diretta con lo stesso autore.

Ciò desta ancora più perplessità, in una fase dove l’unico tentativo che si cerca di portare a buon fine è far conoscere ed apprezzare l’opera dell’autore, con il suo stile di scrittura. In ogni occasione l’unica doverosa protagonista dovrebbe restare l’opera, con i suoi contenuti.

Dopo averla letta, difatti, il pensiero che potrebbe nascere spontaneo in un lettore, che ne ha apprezzato la fattura, sarebbe domandarsi se questa persona abbia scritto altro e dove poterlo reperire.

Ogni altro interesse assume il sapore del pettegolezzo, aspetto fisico, credo religioso, vari titoli, eventuali riconoscimenti, l’orientamento sessuale, il luogo di nascita, e quanto altro, nulla hanno la capacità di aggiungere alle qualità o demeriti espressi dalla scrittura.

Le domande sugli aspetti appena menzionati avrebbero valore, senso, unicamente se poste in una interazione con l’autore. Una domanda, ad esempio, su taluni aspetti caratteriali di un personaggio femminile e le sue azioni potrebbe giustificare il desiderio di conoscere se esistono motivazioni, o situazioni personali, che hanno condotto ad una simile scelta.

In un quadro di interscambio simile troverebbero logica e significativa collocazione anche altre domande sul percorso biografico dell’autore. In ogni altro caso le note biografiche sembrano assumere, forse anche per i più titolati e noti, i suoni striduli del carattere di pettegolezzo, purtroppo anche della tanto amata autoglorificazione all’italiana.

E’ per questo che, chiunque desidera scoprire l’autore, deve prima incontrare i differenti aspetti della scrittura, poi desiderare di partecipare ad un incontro interattivo nel quale porre le giuste domande, solo dopo giungere alla conoscenza di taluni aspetti biografici.

Resta scenario consueto, invece, assistere a monotone presentazioni dominate da pedanti soliloqui, domande di cortesia preorganizzate e, in taluni casi, qualche denso velo di autoglorificazione.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.