La pubblicazione di Operazione P.I.C. – parte 3 di 6

…..segue

Senza motivazione alcuna il famoso calciatore, oramai decaduto e presente unicamente come ospite nelle miriadi di trasmissioni calcistiche campane, si rifiutò di apporre la firma per la liberatoria definitiva alla pubblicazione. Lo fece adducendo strampalati motivi, accusando quello che fino a quel momento aveva presentato come suo procuratore e fiancheggiato da una sorta di legale, che mostrava di essere completamente all’oscuro di ogni fatto.

Il tutto avvenne quando mancavano oramai pochi giorni all’uscita ufficiale del libro. Il contratto con l’editore era stato firmato unicamente da Achi, che ne era il solo autore. Fu per questo che l’editore decise di non procedere con la pubblicazione, invitando Achi ad essere l’autore di punta della casa editrice. Fece questa proposta sottoponendogli un progetto dalle potenzialità altisonanti. Gli chiese di scrivere un libro sulle vicende reali del calciatore che aveva dato il via alla maxi inchiesta sul calcio scommesse. Un portiere che si professava innocente per le accuse più infamanti, e che aveva subito minacce anche contro la sua famiglia.

Dopo aver esaminato il caso, incontrato il calciatore, il suo legale, essersi consultato con Marco, Achi decise di scrivere il libro. Anche questa sarebbe stata una biografia particolare, articolata su fatti reali, vicende giudiziarie che avrebbero fatto da sfondo a spunti di carattere sociale. Dopo aver terminato il lavoro letterario il libro venne pubblicato.

Fu a questo punto che si aprirono nuovi scenari di azioni misteriose, forse nemmeno troppo. A pubblicazione avvenuta il libro subì una sorta d’insabbiamento, fu ostacolato e snobbato perfino da chi si era dimenato per accaparrarsi l’esclusiva. Il libro, con il suo difficile personaggio, sembravano essere invisibili, anche per chi lo aveva supportato con grande interesse nella fase antecedente la pubblicazione.

Fu a questo punto che le vicende presero un inaspettato percorso. Gli intrighi e i misteri sembravano moltiplicarsi di momento in momento, riversando i loro effetti su una realtà chiara ed inequivocabile.

continua…